S INDACATO U NITARIO L AVORATORI P OLIZIA L OCALE 
33 anni a difesa della categoria
telegram logo 11

Stampa 2018

  • Pubblicato in Stampa

FANO, INSULTA E MIMA SGOZZAMENTO AI VIGILI URBANI CHE LO AVEVANO FERMATO: CONDANNATO IMMIGRATO

 

FANO, INSULTA E MIMA SGOZZAMENTO AI VIGILI URBANI CHE LO AVEVANO FERMATO: CONDANNATO IMMIGRATO

FANO – I vigili urbani lo avevano fermato perchè viaggiava contromano in bicicletta ma lui, un immigrato senegalese, non aveva gradito quel semplice controllo. Alla richiesta di documenti, lo straniero è andato in escandescenza ed ha iniziato ad insultare gli agenti con epiteti come “bastardi” e “razzisti”. Parole dure che hanno portato il senegalese prima a beccarsi una denuncia e poi a sostenere un processo. 

I vigili, inoltre, affermano che lo straniero avrebbe anche detto “la vostra divisa non vale niente”, rifiutandosi di mostrare i documenti. Ma a rendere ancor più grave la posizione del senegalese è il fatto che, durante la discussione, in modo decisamente minaccioso, si sarebbe passato il dito sul collo mimando l’azione di uno sgozzamento. 

Lunedì scorso, l’extracomunitario, dopo il rito abbreviato è stato condannato a 4 mesi di reclusione per resistenza a pubblico ufficiale e minacce.

A TORINO DRONI A SUPPORTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

di torinoggi.it-Cinzia Gatti

A TORINO DRONI A SUPPORTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Il Comune di Torino sperimenterà i droni a supporto delle attività della Polizia Municipale. Ad annunciarlo l'assessore all'Innovazione Paola Pisano a margine dell'inizio dei test - che si sono svolti questo pomeriggio in piazza Castello - sulla prima 'drone ready'. 

Pisano ha precisato che la Città sta per "definire un accordo con una grande azienda per avviare la sperimentazione con i droni e supportare la polizia municipale nelle analisi del territorio e dei dati". I test partiranno dal Doralab a Parco Dora. Pisano ha poi ribadito che "in città abbiamo individuato zone in cui testare le nuove tecnologie in modo più 'hard', ad esempio questa per i droni o quella per l'auto a guida autonoma, che sarà testata su un percorso di 35 km cercando anche di coinvolgere la popolazione per avere da parte loro un feedback e capire l'impatto sulla città". 

"Noi speriamo che da queste aree la tecnologia, se ha dato una buona risposta, venga poi utilizzata su tutta la città", ha concluso la Pisano. "ll tutto rispettando la privacy dei cittadini".

CASERTA: AGENTI DELLA POLIZIA LOCALE PICCHIATI IN VIA ROMA, ARRESTATO L'IMPRENDITORE DELLA MOVIDA

E' Andrea De Lucia, imprenditore di San Felice a Cancello, l'aggressore dei due agenti della polizia municipale di Caserta e di un automobilista che si è trovato in mezzo alla rissa scoppiata nel pomeriggio in via Roma. L'uomo è stato arrestato per lesioni e resistenaza a pubblico ufficiale grazie all'azione congiunta della Squadra Volante guidata dal commissario Michele Pota e degli agenti della Polizia Municipale del comandante Luigi De Simone. 


La lite è scoppiata per motivi di viabilità: De Lucia, molto conosciuto a Caserta per i suoi investimenti nei locali di via San Carlo e corso Trieste (la galleria chiusa pochi mesi fa), ha aggredito i due vigili urbani ed un automobilista, ferendoli. La furia dell'imprenditore che ha spaventato passanti e commercianti era tale che non si riusciva a fermare. Al punto che è stato necessario l'intervento sul posto di una Volante della Questura di Caserta che ha provveduto a bloccare l'uomo, che è stato poi portato al comando. 

I tre feriti (i due vigili sono Enzo S. e Franco P.) intanto sono stati portati al Pronto soccorso dell'Azienda ospedaliera Sant'Anna e San Sebastiano di Caserta dove sono stati medicati. Per l'uomo è scattato il fermo ed è stato portato in carcere: la convalida è in agenda per lunedì. Nella stessa giornata dovrebbe tenersi anche una riunione dei rappresentanti sindacali per affrontare la questione sicurezza sul posto di lavoro. In serata la rappresentanza della Uil ha manifestato "la propria vicinanza e solidarietà ai due agenti feriti durante l'aggressione".

PALERMO: AGENTE DELLA POLIZIA LOCALE INVESTITO DA MOTOCICLISTA FERMATO PER AUTOVELOX

(AdnKronos) – Il motociclista, che ha investito oggi un commissario della Polizia municipale a Palermo, è un 41enne che sarà processato domani per direttissima. L’uomo circolava in sella a una moto, Honda Sh, priva di assicurazione e con la patente revocata. All’altezza di Casa Natura il telelaser […] 

(AdnKronos) – Il motociclista, che ha investito oggi un commissario della Polizia municipale a Palermo, è un 41enne che sarà processato domani per direttissima. L’uomo circolava in sella a una moto, Honda Sh, priva di assicurazione e con la patente revocata. All’altezza di Casa Natura il telelaser ha segnato l’eccesso di velocità e il vigile urbano ha intimato l’alt al centauro, che ha prima rallentato per poi accelerare e travolgerlo. 
I colleghi sono riusciti a bloccare il 41enne che è stato condotto al Comando di via Dogali, dove è stata informata l’autorità giudiziaria che ne ha disposto l’arresto. Il commissario è stato trasportato in ambulanza a Villa Sofia. Solidarietà è stata espressa all’agente ferito dal sindaco, Leoluca Orlando, e dal comandante dei vigili urbani, Gabriele Marchese, che hanno bollato come “incivile e criminale” il comportamento motociclista.

BARI: DENUNCIATO PER MALTRATTAMENTO DI ANIMALI

Denunciato dalla Polizia Locale di Bari per il reato di maltrattamento di animali un 63nne barese residente al quartiere Libertà. I fatti risalgono al luglio scorso. Su segnalazione di una cittadina che con il suo smartphone aveva “immortalato” il soggetto mentre, alla guida della sua auto, trascinava al guinzaglio un cane in evidente stato di affaticamento, gli uomini diretti e coordinati dal Comandante Generale Michele Palumbo sono riusciti a risalire al proprietario del cane, un Pit Bull di colore bianco, regolarmente microcippato. L'uomo è stato, quindi, deferito all’Autorità Giudiziaria competente per il reato di maltrattamento di animali, ai sensi dell’art. 727 comma 2 e 544 ter del Codice Penale. Lo stesso ha confermato che in altre tre occasioni aveva condotto in quel modo l’animale, a suo dire, per fargli “sgranchire le zampe!”.