Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Municipale e Locale
«indietro

PRESENTAZIONE PROGETTI

Oggi ci hanno comunicato che domani pomeriggio ci sarà la presentazione dei Progetti Specifici della Polizia Municipale da parte del Comandante.

Anche questa volta CGIL, CISL e UIL, attraverso i loro “Esecutivo” hanno escluso dal tavolo gli RSU regolarmente eletti in altre liste. Insomma decide la triplice chi partecipa alle trattative e chi no.

Potremmo presentarci ugualmente ma, come all’ultimo incontro, rischiamo cha le sigle minaccino di interrompere le trattative in presenza di RSU non graditi. Ovviamente questo non è il nostro obiettivo. Non comprendiamo come questo atteggiamento dittatoriale possa portare beneficio ai Colleghi ma ci adeguiamo. A noi interessa la concretezza e, con tutti i problemi del Corpo, non ci sembra il caso di entrare in scontro.

A questo punto, visto che nessun regolamento RSU o Accordo confederale ce lo può impedire, chiederemo un incontro separato nel quale portare il nostro contributo e chiedere delucidazioni.

Per quanto riguarda i Progetti, invece, da una prima lettura sembra sia cambiato poco ma di differenze ce ne sono. Sono sempre quattro e ricalcano quelli precedenti.

“L’arma” è invariata; “i serali e notti” cambiano gli obiettivi da raggiungere e quindi ci sarà da “trottare” in modo diverso; “strada” come i serali e notti; la “Flex”, invece, è cambiata per l’aggiunta di poter spostare il riposo, per l’obbligatorietà della prestazione, per l’assorbimento delle altre progettualità……etc.

Per i curiosi delle cifre, poco si può dire. L’impegno di spesa è deciso dal tavolo centrale perché fa parte del Fondi di tutti i Lavoratori. Da parte dell’Amministrazione è stato ribadito più volte che le quote non faranno perdere un centesimo a nessuno, quindi sono garantite quelle precedenti.

Novità importante ci sarà per la quota strada. Nei primi sei mesi probabilmente rimarrà fissata a 4 euro ma, se vi ricordate, l’Amministrazione nella persona dell’Assessore al Personale Arianna Viscogliosi, durante l’incontro con quelle sigle ad inizio anno, si è impegnata ad aumentarla fino a 10 euro. Ora bisogna vedere se lorsignori, che si arrogano il diritto di trattare per tutti i lavoratori del Comune si rimangeranno la parola oppure se manterranno l’impegno preso e, durante la trattativa, dalla quale ci hanno escluso, faranno recuperare i primi sei mesi o perlomeno garantianno i 10 euro per gli ultimi sei mesi.

Noi ovviamente fin da subito appoggiamo e richiediamo l’aumento ai 10 euro e lo chiederemo al tavolo separato.
Genova, 03 luglio 2018

La Segreteria DICCAP e SULPL

Claudio Musicò

056_presentazione_progetti